La programmazione orientata agli oggetti (Object Oriented Programming, da cui l’acronimo OOP) è uno stile fondamentale di programmazione che si basa principalmente sul raggruppamento all’interno di un’unica entità (la classe) delle strutture dati e delle procedure che operano su di esse.

Istanziando la classe, che rappresenta fondamentalmente una struttura astratta, è possibile creare “oggetti” concreti (le cosiddette istanze) dotati di proprietà (dati/variabili) e metodi (procedure/funzioni) che operano sui dati dell’oggetto stesso.

Per quanto complessa possa essere questa definizione, potete rassicurarvi sapendo che quest’ultima racchiude la maggior parte dei concetti fondamentali della OOP.

OOP e PHP
Prima della nascita della versione 5, PHP era un linguaggio sostanzialmente procedurale, ovvero fortemente basato sulle funzioni, interne o user-defined. Nonostante fosse dotato di un singolare modello ad oggetti, questo non poteva assolutamente essere considerato completo e non permetteva di mettere in pratica i veri concetti della programmazione OOP. Di conseguenza, il vecchio modello non consentiva di usufruire di tutti i vantaggi di questo paradigma.

Con il rilascio della versione 5, le cose sono decisamente cambiate. Ora PHP dispone di un solido modello OOP completo di tutti i più importanti strumenti che questo offre. Dunque, anche se PHP continua a non essere un linguaggio nativamente orientato agli oggetti (come ad esempio Java o altri), permette ora di realizzare solide applicazioni OOP.

Oltre a garantire maggiore modularità ed estensibilità rispetto alla controparte procedurale, il modello ad oggetti consente di sviluppare applicazioni PHP di nuova generazione usufruendo degli strumenti (web services) e delle modalità logiche (design patterns) utili alla loro nascita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *